Spazzolino elettrico

Uno spazzolino da denti elettrico, è uno spazzolino che utilizza l’elettricità per compiere in modo automatico un movimento vibrante ed un movimento oscillante della testina. Gli spazzolini elettici funzionano tipicamente a 12V e possono essere sia alimentati con delle batterie (interne e ricaricabili – nella maggior parte dei casi) o con un trasformatore che va ad alimentare lo spazzolino tramite un cavo elettrico. In entrambi i casi, gli spazzolini elettrici sono realizzati per operare in presenza di acqua senza danneggiarsi.

Tra le funzioni «extra» più importanti che ha questo tipo di questi spazzolini, troviamo la funzione timer/allarme (funzione importante per non dimenticarci di spazzolare a sufficienza i denti – una delle cause più importanti di igiene orale).

Quando sono stati inventati gli spazzolini elettrici, è nato un grande dibattito che, occupandosi di loro, ne ha analizzato i pro ed i contro  e li ha messi  a confronto con i classici vecchi spazzolini a mano. Anche se non li dimostra, la verità  è che lo spazzolino elettrico ha già compiuto i cinquant’anni, ma allora perché non è ancora stato adottato da tutte le famiglie?

In genere la tecnologia aiuta l’uomo nel realizzare prodotti più avanzati, ma ci sono tante persone tradizionali che non si sentono pronte a lasciare i loro spazzolini vecchio stampo per questi nuovi modelli.

La salute orale, dei denti, delle gengive e della lingua, è molto importante e per questo le persone vogliono avere a disposizione le giuste informazioni per  indirizzarsi verso i prodotti migliori. Quindi la domanda sorge spontanea: è meglio uno spazzolino elettrico o uno spazzolino manuale?

Perché uno spazzolino elettrico

spazzolino elettrico

La differenza principale, come è ovvio, è che uno spazzolino elettrico è alimentato a energia. Una piccola curiosità: sapevi che inizialmente era stato pensato per agevolare gli utenti affetti da disabilità nel pulirsi i denti? La scelta della maggior parte delle persone in ogni caso non si basa semplicemente sulla considerazione di poter velocizzare i tempi , e non è certo la pigrizia ad indirizzarci verso lo spazzolino elettrico, piuttosto che verso quello manuale.  Recenti studi  hanno scientificamente provato che i dispositivi elettrici sono più efficaci degli spazzolini ordinari, grazie alla loro velocità e  grazie sa dei movimenti più precisi. Certo, esistono tanti diversi tipi di spazzolini elettrici, ma la maggior parte possono lavorare in maniera più efficace su denti e gengive, dal momento che  per essere più efficaci hanno le setole che hanno due tipi di movimenti principali, il movimento oscillatorio ed il movimento vibratorio. L’efficacia di uno spazzolino elettrico è data proprio da questi rapidi movimenti delle setole che hanno una capacità unica di raggiungere anche quelle superfici che gli spazzolini cosiddetti normali non riescono a raggiungere.
Altro punto a favore degli spazzolini elettrici: diversi studi hanno dimostrato che gli spazzolini elettrici aiutano a ridurre la placca ma anche a diminuire le infiammazioni gengivali.

Perché non scegliere uno spazzolino elettrico

Ci sono anche degli svantaggi nell’utilizzo di un spazzolino elettrico? Ebbene sì. Come ogni altro strumento, anche lo spazzolino elettrico ha i suoi contro. Primo di tutto il costo. Anche se si tratta di un’investimento a lungo termine, tantissime persone preferiscono acquistare un prodotto usa e getta che potrà durare al massimo un paio di mesi, ma il cui costo è decisamente basso. (A questo proposito, ti ricordo che, per una questione d’igiene, gli odontoiatri consigliano un ricambio della testina dello spazzolino al massimo ogni tre mesi, sia questa elettrica o manuale). Senza poi dimenticare poi che, se uno spazzolino elettrico funziona a pile, avrà bisogno di essere ricaricato di frequente con un’aumento nel tempo del costo per utilizzarlo. C’è anche un secondo elemento che gioca sfavore degli spazzolini elettrici e questo riguarda principalmente le persone che hanno le gengive sensibili. Le persone che hanno problemi di gengive devono prestare particolare attenzione con gli spazzolini elettrici, perché alcuni tipi di setole possono causare emorragie e infiammazioni se non correttamente utilizzate. In questo caso vengono in genere consigliate setole più morbide ed una più lenta velocità della loro rotazione. E’ comunque, in ogni caso, importante saper usare uno spazzolino elettrico in maniera corretta.

Alcuni dei migliori spazzolini elettrici in commercio

Oral-B Black 7000 CrossAction Spazzolino Elettrico con... Vedi offerta su Amazon  
Oral-B Pro 4000 Spazzolino Elettrico Ricaricabile Vedi offerta su Amazon  
Philips Sonicare HX9332/04 DiamondClean Spazzolino Elettrico con... Vedi offerta su Amazon  
Philips Sonicare For Kids Spazzolino elettrico Sonic ricaricabile... Vedi offerta su Amazon  

In conclusione, spazzolino elettrico oppure spazzolino tradizionale?

Possiamo concludere  affermando che uno di questi due strumenti è in assoluto il migliore? Non proprio. Se decidi di optare per uno spazzolino elettrico fai attenzione a scegliere un modello che si addica alle tue personali esigenze. Non tutti i denti sono uguali, e la cura che ognuno deve  averne si basa sulle proprie caratteristiche e abitudini. Quali sono i modelli migliori? Secondo gli odontoiatri, che almeno su questo punto concordano, le qualità da ricercare in uno spazzolino, che sia manuale o no, riguardano le setole (preferibilmente morbide, in genere) e la testina (meglio se piccola, di solito).  Comunque, il punto chiave in ogni caso sta soprattutto sul come viene utilizzato lo spazzolino! E poi non dimenticare il consiglio del tuo dentista, quale che sia la tua scelta: non dimenticare di abbinare anche il filo interdentale.

Disponibilità e prezzo aggiornati al: 2019-03-24 at 02:08

        
    
      

foto di copertina: flickr/Dr Pierre A. Comeau

BFC
Sono un appassionato lettore e ricercatore e credo nell’immensa potenzialità che la rete offre di condividere informazioni e conoscenze che possano direttamente o indirettamente migliorare il benessere dell’uomo.
Hai appena letto: Torna alla pagina principale