Le scarpe d’arrampicata, migliori

- Pubblicato da: Author: BFC in Category: | 5 min di lettura

Per le più diverse esigenze di ogni persona che pratica questo sport, alcune scarpe sono più adatte di altre.
Per i più esperti le esigenze potrebbero essere legate alle tradizionali arrampicate su lunghe vie di salita, sopra strapiombi, o all'arrampicata libera, oppure al bouldering, mentre per i principianti sono legate principalmente alla sicurezza.

foto: 360gardalife.com
foto: 360gardalife.com

Tutte i tipi di scarpe per arrampicare possono avvalersi di particolari soluzioni ingegneristiche. Noi ci limiteremo a parlarne distinguendo tra scarpe da arrampicata per principianti e scarpe per alpinisti esperti in questa sequenza:

  • Scarpe per principianti
  • Scarpe per performers
  • Le migliori scarpette d’arrampicata
  • Gli elementi da valutare in una scarpa d’arrampicata

Le scarpe d’arrampicata per i principianti

Chi sta muovendo i suoi primi passi in parete, dovrebbe dare la preferenza alle scarpe che,

  • che hanno una suola rigida,
  • con una calzata non troppo stretta,
  • con un’allacciatura elastica,
  • che sono dritte e simmetriche,
  • che sono poi quelle ideali per prendere confidenza con la roccia e con gli appoggi senza dover soffrire troppo per quanto riguarda il comfort.

Le scarpe d’arrampicata per performers

Chi invece intende affrontare percorsi impegnativi dovrebbe optare per una scarpa,

  • con una suola più flessibile in grado di agganciare anche il minimo appiglio,
  • con una forma molto incurvata sulla punta,
  • che dia un buon supporto sul tallone,
  • con una forma – da moderatamente a decisamente asimmetrica, a seconda del suoi piedi: la forma assimmetrica permette di valorizzare meglio gli appoggi per i piedi, facilitando il bilanciamento del corpo sulle prime dita,
  • con una parte anteriore che si adatti agli agganci di punta (scarpe molto poco confortevoli, ma molto “precise”).

Le migliori scarpette d’arrampicata

A beneficio di chi fosse interessato, illustriamo brevemente alcuni modelli di questo tipo di scarpe che ci paiono particolarmente interessanti.

Black Diamond Momentum Climbing

La sua tomaia, grazie alla sua tecnologia Engineered Knit – uno strato super interamente in maglia a spessore variabile traspirante – dà grande stabilità, flessibilità e comfort durante gli “abusi” in montagna e l’arrampicata. Inoltre, la sua intersuola in EVA consente alla scarpa di penetrare nel terreno creando un buon attrito e aderenza contro le rocce bagnate durante il trail running o l’arrampicata in montagna. Questa è una scarpa ideale per l’aggancio al tallone.

Acquista ora

Scarpa – Drago

La Drago della italiana Scarpa combina le migliori caratteristiche di una scarpa per l’arrampicata. La Drago è la scarpetta morbida, è ideale per lo scalatore che utilizza un ampio raggio di tecniche di aggancio e spinta sia in punta sia sul tallone, a forma asimmetrica ed arcuata, con la posizione dell’alluce medio/molto arcuato per poter avere una sensibilità eccellente.

Acquista ora

La Sportiva – Genius

Presentata da La Sportiva® come “la scarpa d’arrampicata più performante sul mercato”, la Genius incorpora l’ultimo “pensiero” di La Sportiva: tecnologia No-Edge, rigatura P3 e allacciatura asimmetrica in un unico pacchetto. Arriva a combinare in modo unico,

  • sensibilità e performance grazie alla sua costruzione “senza spigoli”,
  • a comfort precisione ed adattabilità ai volumi di una chiusura mediante dei lacci.

La particolare costruzione di questa scarpetta d’arrampicata permette un perfetto adattamento alle infinite forme della roccia, adattamento derivante dalla maggiore superficie di contatto con gli appoggi, mentre il comfort è garantito dalla sua chiusura, che permette di regolare la scarpetta attorno al piede in modo molto preciso e fasciante.

Acquista ora 

La Sportiva – Solution

Di fronte ai problemi tecnici che la roccia ci pone, la scarpetta “Solution” della La Sportiva ci supporta con le più innovate tecnologie per risolvere il nostro boulder. La sua tomaia si basa sulla tecnologia Lock Harness System: un sistema di fasciatura del piede dall’interno, che abbinato alla particolare costruzione a guscio del tallone consente di esaltare al massimo la prensilità dei piedi nei tallonaggi e nella presa di rovescio con i piedi sui massi strapiombanti.

Acquista ora

Elementi da valutare nella scelta delle scarpe d’arrampicata

1) la suola

Le scarpe d’arrampicata hanno una suola non profilata al fine di consentire un grip ottimale anche sugli appoggi lisci.

Le scarpe che hanno le suole molto piccole e più ricurve sono adatte per le vie d’arrampicata scoscese e per quelle leggermente pendenti, mentre le scarpette meno ricurve sono perfette per i principianti.

La suola di una scarpa d’arrampicata può essere in Vibram (con le sue mescole XS Edge, XS Grip, XS Grip 2) oppure in gomma Stealh (con le sue mescole Hf o C4). A seconda delle mescole dei materiali con cui è fatta, la gomma della suola può essere più o meno morbida.

La stragrande maggioranza delle scarpe da arrampicata ha una suola unica, che copre tutta la superficie del piede, dalla punta al tallone.

Poi ci sono le scarpe con mezze suole, una di queste che ricopre la parte posteriore del piede e l’altra che ricopre la parte anteriore.

Infine ci sono le no-edge climbing shoes, ciò le suole per l’arrampicata no-edge (senza bordi, spigoli): che non hanno un bordo pronunciato (edge) che separi la parte inferiore delle suola dalla  sua parte laterale.

2) la tomaia

Una classica scarpa d’arrampicata ha una tomaia fatta in pelle, un materiale che necessita di un po’ di “rodaggio” prima di trovare la sua dimensione in rapporto al nostro piede: infatti il cuoio tende ad allungarsi ed a deformasi a seconda della forma del piede dopo i primi utilizzi.

Poi esistono le micro-fibre tecnologiche le quali hanno il vantaggio di mantenere la forma iniziale e di essere anche più traspiranti.

Infine iniziano comparire sul mercato delle scarpe da arrampicata che utilizzano nella tomaia sia cuoio che dei materiali sintetici. In genere si tratta di scarpe ben riuscite.

3) la fodera delle scarpe e la loro allacciatura

Le scarpe d’arrampicata sono generalmente prive di una fodera all’interno, hanno passanti robusti sul tallone (per facilitare l’ingresso) ed un bordo gommato.

Per quanto riguarda l’allacciatura, esistono due tipi di scarpe: quelle coi lacci e quelle con velcro.

  1. Le prime sono più lente e più laboriose da allacciare, ma sono più facili per farle calzare in modo ottimale sul piede.
  2. Le seconde sono più rapide da togliere e da mettere.

Poi ci sono le classiche scarpette cosiddette “ballerine”.

4) la loro vestibilità

Le scarpe d’arrampicata devono calzare ben strette, inizialmente. Poi successivamente – specie quelle in pelle – cedono adattandosi gradualmente alla forma specifica del piede e diventando come una seconda pelle.

Nella scelta delle scarpe da arrampicata non va data priorità alla comodità come per le altre scarpe e scarponi da montagna.

Ai principianti suggeriamo di acquistare una misura inferiore rispetto al numero della scarpa che portano abitualmente.