Disclaimer: quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Per saperne di più...

Scarpe da corsa: tipi, guida alle più adatte, approfondimenti

Molti di noi corrono tranquillamente con scarpe non adatte su delle superfici dure. "Perché dovrei preoccuparmi io che ho scarpe da ginnastica di ultima generazione, mentre per migliaia di anni l'uono ha camminato scalzo, o quasi?", pensano.
Che sbaglino lo sa benissimo chi ha già avuto, o ha, un qualche piccolo infortunio.
I nostri antenati camminavano e correvano magari anche più noi, ma sui prati, sulla sabbia o nel sottobosco, non sul cemento e sull'asfalto.
Introduzione al problema

Introduzione al problema

Da qualche anno a questa parte è notevolmente aumentato il numero dei runners amatoriali, sia uomini che donne, che si dedicano alla corsa all’aria aperta per mantenersi in forma, oppure solo per passione.

Si dedicano a questo sport per il senso di liberà che regala questa pratica, ma anche per il fatto che non occorrono particolari attrezzi. Basta un buon paio di scarpe. Le scarpe sono importanti perché devono adattarsi alle nostre caratteristiche, fisiche, posturali,  tecniche, e naturalmente anche al tipo di corsa ed al luogo dove andiamo a correre.

Scegliere le scarpe adatte è tutt’altro che semplice. Infatti, se non si utilizza una calzatura che sia adatta al running, oppure al piede di chi corre, o anche al suo stile di corsa, si corre il rischio d’infortuni, mucolari, alle articolazioni, o si rischia molto più banalmente di sentirsi “scomodi” correndo e quindi di rinunciare a fare questo sport.

Le scarpe da running – come del resto anche tutti gli altri tipi di scarpe – sono sostanzialmente costituite un battistrada, da una tomaia e dall’intersuola. Per cui, come avremo modo di precisare, fare una distiinzione tra i vari tipi di scarpe serve sostanzialmente a facilitare l’individuazione del tipo di calzatura più adatto ad ognuno di noi.

Ancorchè vengano utilizzate delle classificazioni basate su minori categorie/gruppi, si è soliti classificare le scarpe per correre/da running in sette diverse categorie, identificate con i codici A1, A2, A3, A4, A5, A6, A7: queste distinzioni sono legate principalmente all’intersuola che è la parte centrale di una scarpa, ed anche al suo peso.

Come son fatte le scarpe da running

Come son fatte le scarpe da running

Come tutte le scarpe, anche quelle da corsa, sono composte da vari elementi. I principali sono i seguenti.

  1. La tomaia, cioè la parte esterna della scarpa. Le tomaie delle scarpe da corsa sono realizzate secondo due tecniche diverse: la tessitura oppure la saldatura.
    • Mediante la tessitura si realizza una tomaia tessendo un unico filo; in questo modo la trama finale risulta più densa proprio nei punti dove serve una maggiore resistenza. Le scarpe così realizzate sono più leggere.
    • La saldatura è invece la tecnica realizzativa oggi più diffusa: consiste nel saldare alcuni pezzi esterni alla tomaia stessa, a scapito della sua leggerezza.
  2. Il supporto, che è la parte strutturale della scarpa, quella che la tiene attaccata al piede.
    • Il supporto di solito si trova nella parte centrale della calzatura e nel tallone.
    • Il supporto dell’arco plantare in particolare, è molto importante perché ogni piede ha una forma diversa.
  3. La pianta della scarpa, la cui forma (più larga o più stretta) è legata alle esigenze di ognuno di noi.
    • Al momento della scelta della scarpa, la nostra raccomandazione è di non “cedere” ad un modello esteticamente più gradevole a discapito del comfort.
    • La scarpa deve fasciare il piede senza stringerlo troppo.
  4. Il battistrada, che è la parte della scarpa che si trova a contatto col terreno.
    • È anche quella che aiuta a mantenere i grip sulla strada, ma che anche si consuma più velocemente.
    • È importante non trascurarla, perché se é troppo liscia potrebbe essere causa di brutte cadute.
  5. L’intersuola, cioè la parte centrale delle scarpe.
    • E’ la parte della scarpa che ammortizza l’appoggio del piede e che garantisce il ritorno dell’energia in fase di stacco.
  6. Il drop o offset della scarpa.
    • E il differenziale di altezza tra la sua punta ed il suo tacco.
I vari tipi di scarpe da running

I vari tipi di scarpe da running (per la strada o la pista)

Iniziamo col classificare le scarpe da corsa nelle diverse diverse categorie/gruppi, secondo le nomenclature  (più o meno diffusamente) utilizzate a livello internazionale.

le scarpe da running minimaliste

Si tratta di scarpe da running biomeccanicamente efficienti, progettate per chi desidera avere la massima responsività (cioà la massima possibilità di adattamento di svolgere le loro funzioni) e desidera lasciare che il piede compia un movimento quanto più naturale possibile.

Alcuni esperti consigliano le scarpe da running minimaliste anche a chi intende correggere alcuni problemi posturali.

Esempi di scarpe da running minimaliste:

adidas Pureboost Zg, Sneaker a Collo Alto Uomo, Grigio (Grey/Blue...
Allacciatura: Centrale; Tipo: Scarpe da corsa; Materiale principale superiore: sintetico.; Colore 2: Grigio
Brooks PureFlow 5 M, Scarpe da Corsa Uomo, Multicolore...
Nome o numero di modello PureFlow 5.; Colore: nero/antracite/bianco.; Materiale: sintetico.

le scarpe running superleggere

Rispetto alle scarpe da running minimaliste, quelle superleggere hanno un’imbottitura ed una suola più spesse, ma hanno comunque sempre un peso estremamente contenuto, che di solito non supera i 240-260 grammi.

Sono queste le scarpe che di solito vengono utilizzate dai runners più leggeri, e quelle biomeccanicamente più efficienti (con pronazione minima).

Esempi di scarpe da running superleggere:

le scarpe running intermedie

In questa categoria si possono trovare diversi modelli di scarpe delle più disparate marche. Sono scarpe da running che pesano tra i 250 ed i 300 grammi, adatte appunto alla corsa.

Queste scarpe possono avere dei leggeri stablizzatori mediali per il controllo della pronazione.

Esempi di scarpe da running intermedie:

adidas Pureboost Zg, Sneaker a Collo Alto Uomo, Grigio (Grey/Blue...
Allacciatura: Centrale; Tipo: Scarpe da corsa; Materiale principale superiore: sintetico.; Colore 2: Grigio
Brooks PureFlow 5 M, Scarpe da Corsa Uomo, Multicolore...
Nome o numero di modello PureFlow 5.; Colore: nero/antracite/bianco.; Materiale: sintetico.

le scarpe running ammortizzate

Le scarpe running ammortizzate pesano di solito sui 300 grammi, o poco di più.

Sono le scarpe che più si adattano alla media dei corridori che hanno un’appoggio del piede neutro o supinato.

Esempi di scarpe da running ammortizzate:

adidas Response Boost 2 M – Scarpe da Uomo Multicolore Size: 47...
Modello: scarpe; Stagione: per tutto l'anno; : running; Suola: sintetico; Materiale parte superiore: sintetico
Nike 849564-001, Scarpe da Trail Running Uomo, Nero/Argento...
Ref - 849564-001; Marca - Nike; Taglia - 46

le scarpe running stabili

Sono scarpe pensate per chi ha problemi di eccessiva pronazione, o per chi è in sovrappeso.

Offrono un buon supporto ed un buon livello di ammortizzamento. Per contro – rispetto alle scarpe delle categorie precedenti – sono quelle più pesanti (pesano abbondantemente sopra i 280-300 grammi).

Esempi di scarpe da running stabili:

Guida alla scelta delle scarpe più adatte

Guida alla scelta delle scarpe più adatte

Se ti stai accingendo scegliere delle scarpe running, devi sapere,

  1. che non esistono scarpe migliori di altre in termini assoluti: una buona scarpa running deve per prima cosa essere adatta al tuo fisico, al tuo modo di correre ed al terreno su cui ti alleni;
  2. che non sempre è vero che più spendi e «meglio stai».

Per scegliere la scarpa giusta per le tue esigenze devi quindi prendere in considerazione:

Le frequenze del loro utilizzo

  • Un fattore determinante nella scelta di un paio di scarpe da corsa, è la frequenza con cui s’intende utilizzarle.
  • Se sei già un corridore assiduo, la cosa migliore è di partire dalle scarpe (e dalla marca) che già utilizzi, e provare qualche altra cosa di leggermente diversa, seguendo le indicazioni di cui sotto: evita di fare dei cambiamenti radicali.
  • Se invece sei alle prime armi, è possibile che tu debba riflettere (ed osservarti) un po’ di più per capire se devi orientarti di più verso scarpe leggere, oppure verso scarpe ben ammortizzate.

Dove intendi correre

  • In secondo luogo, devi riflettere sul dove prevedi di correre per la maggior parte del tempo: sull’asfalto, sullo sterrato,  sui sentieri boschivi, sui prati?
  • Se intendi correre sui sentieri sterrati, giocano un ruolo fondamentale per proteggere, oltre che le tue giunture, anche il piede stesso da sassi da buche, ecc. la resistenza e l’imbottitura della scarpa.
  • Se corri su terreni sassosi, magari in montagna, in questo caso avrai bisogno di un paio di scarpe con una suola antiscivolo, in VIBRAM o in materiali simili.

Il tuo peso

  • Infine è molto importante anche il peso di chi corre.
  • La sollecitazione che la corsa provoca sulle tue giunture è pari a 2.5 volte il tuo peso.
  • Questo significa che solamente 10 kg di sovrappeso, comportano 25 kg di forza aggiuntiva sulle tue giunzioni.
  • Comunque, se pesi più di 90 kg, è bene che tu scelga scarpe running stabili e ben ammortizzate, e che tu eviti quelle minimaliste o super-leggere.

Misura della scarpa

  • Una nota a parte merita la misura delle tue scarpe.
  • Rispetto a quando cammini o quando stai seduto, quando corri il tuo sangue tende a concentrarsi sui piedi, ed é per questa ragione che poi si gonfiano.
  • E’ quindi sempre buona cosa acquistare delle scarpe running che siano di mezzo numero o anche di un numero più grandi di quelle che ti stanno giuste quando sei a riposo.

I diversi modi d’appoggio del piede e come questi incidono sul modo di correre

Approfondimenti

Note: (i) disponibilità e prezzo sono aggiornati al: 2020-09-29 at 05:14; (ii) su alcuni dei siti linkati Segretidelloshopping.it ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.