Pedali mountain bike: quali scegliere

Piccoli, e all'occhio dei meno esperti apparentemente insignificanti, i pedali mtb sono il più importante punto di contatto tra il mountain biker e la sua bicicletta. Se è vero che senza il manubrio è molto difficile cambiare direzione e che senza la sella è molto faticoso pedalare per lunghi tratti, senza pedali la mtb non si muove.

pedali mtb

I pedali della bicicletta

La possibilità di muovere una bici è dipende dai pedali. Legato ai pedali è anche il controllo dalla potenza trasmessa dalle nostre gambe alle pedivelle. Ecco perché si dovrebbe avere una particolare attenzione a questi due “accessori”.

Per vedere se e come i pedali possono rispondere più o meno bene alle nostre necessità, è comunque sempre necessario prendere in esame diversi modelli. Anche per quanto attiene alla scelta di quelli per mountain bike,

In questo articolo vedremo – prima – in che direzione andrebbe orientata la ricerca dei pedali mtb in relazione,

  • ai  vari tipi di pedali tra cui scegliere,
  • alle caratteristiche a cui porre attenzione,
  • alle le marche di quelli più interessanti.

Alla fine poi, penderemo in esame 5 diversi modelli di pedali mtb che, noi di Segretidelloshopping abbiamo trovato particolarmente interessanti.

Le varie tipologie di pedali mtb

Non tutti i pedali mtb sono uguali, e non tutti sono sempre adatti ad ogni tipo di calzatura. Ma andiamo con ordine.

i pedali piatti (o flat)

Questa tipologia di pedali ha il vantaggio di poter essere utilizzata in qualsiasi situazione, e con qualsiasi paio di scarpe da ginnastica/scarponcini:

  • il piede resta libero di appoggiarsi e di staccarsi dal pedale secondo i naturali movimenti;
  • tra i pedali automatici (quelli a sgancio rapido) sono quelli più grandi, ed hanno quindi una maggiore superficie di contatto tra la scarpa ed il pedale;
  • richiedono di poca/nulla manutenzione,
  • non necessitano di alcun tipo di regolazione;
  • non sono molto efficienti nella trasmissione dell’azione dal piede alla bici, in quanto il piede non è ancorato alla mtb, come avviene coi pedali automatici e, in parte anche con i pedali coi puntapiedi;
  • sono quelli migliori nelle condizioni estreme di fango e di neve;

Una sottocategoria dei pedali piatti, sono i cosiddetti pedali bmx o freestyle,

  • che sono un particolare tipo di pedali piatti,
  • dotati di un’ampia superficie,
  • e sono utili a garantire la massima aderenza (grip) nelle figure e nelle evoluzioni che si fanno in questi sport.

i pedali automatici, detti anche «a sgancio rapido»

Negli anni ’90 la giapponese Shimano lanciò sul mercato i suoi innovativi attacchi a sgancio rapido SPD (acronimo di Shimano Pedaling Dynamic).

La nascita dei pedali a sgancio rapido ha portato tutti ciclisti, professionisti e non, ad adottare questa tecnologia nella maggior parte delle «situazioni tipiche» della mtb.

Per chi è alla ricerca di pedali automatici, la Shimano non rappresenta l’unica valida alternativa. Sul mercato ci sono molte altre alternative: da quelle più economiche a quelle più innovative rispetto al pedale Shimano di riferimento.

Il vantaggio

  • dei pedali automatici è che questi ci consentono di restare letteralmente attaccati alla bicicletta (a meno che non si faccia un movimento per lo sgancio).
  • Questo sistema a sgancio rapido permette di aumentare l’efficienza della pedalata: quindi una migliore trasmissione della potenza dalle gambe alle pedivelle.
  • Ma consente anche un maggior controllo della bicicletta, in quanto difficilmente lo sgancio rapido si sfila dalla scarpa.

Per contro

  • i pedali automatici richiedono l’impiego di scarpe speciali.
  • Richiedono anche un minimo di pratica (dopo di ché diventano facili e pratici da utilizzare da parte di chiunque).
  • In condizioni di molto fango, potrebbero necessitare di essere ripuliti per permettere l’aggancio.

i pedali mtb ibridi: SPD + Flat

Si tratta di una soluzione nella quale il pedale si presenta con un assale, sul quale è installato un corpo pedale in acciaio. Sul pedale,

    • da un lato ci sono gli agganci di un pedale automatico,
    • dall’altro c’è un’ampia superficie flat (piatta), tipica del pedale da cicloturismo.

Secondo alcuni, i pedali ibridi sono ottimi per incominciare ad abituarsi con quelli ad aggancio rapido.

Tuttavia nella maggior parte delle condizioni in cui viene utilizzata una mtb, è preferibile (a mio parere) optare per i pedali flat, oppure per quelli automatici, possibilmente per i primi.

i pedali mtb con puntapiedi

Fino a che non sono stati inventati gli attacchi a sgancio rapido SPD, questi pedali erano quelli utilizzati dai ciclisti su strada professionisti.

Oggi – se li si riescono a trovare ancora sul mercato – sono solo per delle nicchie di clienti con esigenze particolari. Possono essere con o senza cinghia.

Gli elementi e le caratteristiche tecniche dei pedali

Gli elementi caratteristici che qualificano i pedali mtb sono:

i materiali con cui è fatto il perno (o assale)

Solitamente il perno è realizzato in acciaio o in titanio.

Il titanio è più costoso, ma anche molto più leggero dell’acciaio.

il materiale del corpo del pedale

Il corpo del pedale può essere in plastica, in acciaio, in alluminio, in lega di carbonio o ergal (una lega di alluminio).

Nei pedali automatici il leverismo di aggancio/sgancio è realizzato in acciao o in lega di alluminio.

il peso del pedale

I pedali mtb pesano tra i 170 grammi ed i 450 grammi per coppia.

Inutile dire che il loro peso è inversamente proporzionale al loro prezzo.

le sue varie conformazioni

Oltre che ad avere una (minima) rilevanza estetica, alcune orginali conformazioni sono studiate appositamente per meglio adattarsi ad alcuni tipi di condizioni (neve, piuttosto che fango) o di utilizzi (freestyle, down hill).

La conformazione, nei pedali flat è un fattore più critico che nei pedali automatici.

la regolabilità

La regolabilità è importante sopratutto per quanto riguarda pedali a sgancio rapido. Dovranno essere considerate le impostazioni di tensione del pedale (cioè la quantità di forza che serve per agganciare e sganciare), ed il grado in cui è possibile ruotare il piede quando è agganciato.

la durabilità (capacità di rimanere funzionante)

Quanto alla possibile durata del pedale, soprattutto se si opta per un pedale automatico é preferibile scegliere un pedale di qualità di una marca nota (Shimano, ad esempio) con cuscinetti lisci, i quali non richiedono molta manutenzione.

la facilità di manutenzione

Quanto alla necessità di manutenzione, alcuni pedali possono essere facilmente riparati ed alcune loro parti sostituite, mentre altri -se si rompono- occorre acquistarne di nuovi.

Anche in questo campo, tutto dipende dalla politica commerciale e dalla serietà del marchio che li produce.

Quale tipo di pedale scegliere in relazione ai diversi tipi di attività sportiva

i pedali mtb automatici

Come abbiamo visto sopra, per la maggior parte delle situazioni agonistiche o semi-agonistiche, i pedali automatici (SPD) sono generalmente considerati la soluzione migliore.

Solo nell’Enduro, nel Freeride e Downhill i pedali tradizionali (flat) paiono tenere loro testa: nelle discese ad alta velocità, il fatto di avere il piede libero permette di gestire meglio l’equilibrio.

i pedali mtb flat

Il pedale flat resta ancora quello predominante nel cicloturismo, ed anche per quanto attiene al normale utilizzo della bici.

i pedali mtb ibridi

I pedali ibridi, anche se in teoria potrebbero essere la soluzione ideale nel cicloturismo, non paiono trovare molti riscontri, almeno stando alla mia esperienza.

5 pedali mtb selezionati dalla redazione

Ti potrà certamente essere utile questa breve rassegna di cinque diversi tipi di pedali che sono, a nostro giudizio, tra quelli più interessanti della loro tipologia.

1) Pedali MTB Shimano XT M8020 Trail

pedali mtb shimano xt

  • Pedale automatico.
  • Con meccanismo interno in lega di alluminio.
  • Perno in acciaio.
  • Superficie di contatto di 3,3 mm, più ampia rispetto al suo modello precedente (lo Shimano XT Trail M785).
  • La coppia di pedali pesa 402 g, il che non è poco, ma si tratta di un pedale resistente, duraturo e robusto.

Se desideri un pedale automatico, nel 90% dei casi il pedale MTB Shimano XT M8020 Trail è ciò che fa al caso tuo!

2) Pedali Crank Brothers Mallet 2

pedali mtb flat

  • Pedale flat, ideale per downhill.
  • Con alette in acciaio pressato.
  • Tacchette in ottone regolabili per personalizzare la trazione.
  • Il corpo è realizzato in alluminio, le molle e l’asse sono in acciaio.
  • Pesa 495 grammi la coppia.

3) Pedali MTB E821 Ultralight

pedali mountain bike

  • Pedale mtb flat.
  • In lega di alluminio anodizzato.
  • Disponibile in diversi colori: verde, blu, nero, rosso, bianco.
  • Peso: 386 grammi (la coppia).
  • Dimensioni: 120 x 95 mm.
  • Dotato di 6 tacchette per lato.

4) Pedali CrankBrothers 5050 3

pedali mountain bike mtb

 

  • Pedale mtb con corpo di policarbonato e due pezzi di alluminio.
  • Ha un asse di acciaio chrome-moly forgiato altamente resistente.
  • Cuscinetto interno a sfere.
  • Kit piolini di 10 mm regolabili.
  • Peso: 450 g (la coppia)

Disponibilità e prezzo aggiornati al: 2019-05-22 at 08:28

BFC
Sono un appassionato lettore e ricercatore e credo nell’immensa potenzialità che la rete offre di condividere informazioni e conoscenze che possano direttamente o indirettamente migliorare il benessere dell’uomo.
Hai appena letto: Torna alla pagina principale