cyclettte orrizontale

Cyclette orizzontale: vantaggi e svantaggi rispetto alle verticali

Probabilmente ti starai chiedendo se sia da preferire una cyclette orizzontale, od una verticale.
La risposta dipende da una serie di fattori ed esigenze che in questo articolo esamineremo uno ad uno.
I criteri per la scelta scelta

I criteri per la scelta scelta

La scelta di acquistare una cyclette orizzontale piuttosto che una verticale dipende da tutta una serie di fattori, tra cui il tuo livello di forma fisica, i muscoli che vuoi allenare, eventuali problemi di salute, il budget disponibile e lo spazio che hai a casa tua.

Come è intuibile, sulla cyclette orizzontale il corpo di chi la utilizza si trova in una posizione diversa rispetto a quella su di una cyclette verticale: in una posizione più orizzontale coi pedali di fronte al resto del corpo.

cyclette orizzontale vs cyclette verticale

Ma questo cosa significa ciò dal punto di vista pratico?  Quali i vantaggi e quali gli svantaggi?

Se ci segui per qualche minuto, cercheremo di spiegarlo.

Cercheremo di esaminare le caratteristiche delle due tipologie per verificarne le somiglianze, le affinità e le differenze, e per vedere quali sono le diverse funzionalità che che ci consentono.

Modelli di cyclette recumbent

Cyclette orizzontali (o recumbent) – alcuni modelli a confronto

La posizione che sia assume su di una cyclette orizzontale ci permette di far lavorare in modo più efficace i glutei (gruppo di tre muscoli che formano le natiche, per chi non lo sapesse) ed i muscoli delle gambe – rispetto a quanto avviene con un cyclette verticale.

Ma, d’altro canto, questa posizione può limitarci le varietà degli esercizi eseguibili: ad esempio, mentre con una cyclette verticale si può stare in piedi sui pedali e simulare l’«arrampicata in salita», proprio come si fosse su di una bicicletta tradizionale, ciò non si può fare invece con quella orizzontale.

Nel caso fossi interessato, ecco a confronto alcuni dei modelli di cyclette orizzontale tra i più interessanti oggi in commercio.

MODELLO

FOTO

PRODUTTORE

DESCRIZIONE

INFO

Giro R Black edition Kettler La cyclette orizzontale Giro R Black Edition è equipaggiata con un volano da 9 kg che rende la pedalata fluida e silenziosa. Si tratta di un attrezzo destinato all’uso casalingo che ben si presta ad essere condiviso anche da più utilizzatori. Ottima stabilità e qualità costruttiva. Vedi l’offerta o leggi la nostra recensione

 

BK 409 Recumbent   High Power Il volano è di 6,5 kg. La resistenza è di tipo magnetico, costante (rispetto alla velocità) e regolabile su otto livelli. La frequenza cardiaca è rilevabile tramite due sensori posizionati sui supporti laterali. E’ dotata di un computer con un programma pre-impostato. Vedi l’offerta o leggi la nostra recensione
BRX-RCOMFORT Cyclette   Toorx E’ ben più di una cyclette entry level. La BRX-RCOMFORT, grazie al suo volano di  7 kg si presta ad allenamenti di medio livello. È facile da utilizzare e – grazie al display LCD  – consente di tener d’occhio in modo semplice ma preciso i propri allenamenti Vedi l’offerta  o leggi la nostra recensione

 

Cyclette orizzontali / Verticali

Le differenze funzionali tra le cyclette orizzontali e quelle verticali

Esaminiamo ora le diverse funzionalità delle due tipologie di cyclette, di quella orizzontale e di quella verticale, in relazione alle loro diverse caratteristiche.

schiena ed articolazioni

Per quanto attiene al tipo di sostengo al nostro sistema scheletrico, le cyclette orizzontali hanno il vantaggio di avere uno schienale ed una posizione di seduta che ci danno un ottimo supporto alla schiena.

Supporto che invece manca nelle cyclette verticali come pure nelle biciclette tradizionali.

Sono molte le persone che riferiscono di provare un maggior sollievo nella parte bassa della loro schiena quando utilizzano una cyclette orizzontale, rispetto a quando pedalano su delle bici verticali.

Quindi, una bicicletta orizzontale potrebbe essere la migliore soluzione per chi soffre di mal di schiena o di dolori articolari.

Infatti, la posizione seduta orizzontale riduce al minimo anche lo sforzo esercitato sulle articolazioni delle ginocchia. Non a caso, oltre che nelle palestre, le cyclette orizzontali vengono utilizzate anche nei centri di riabilitazione.

muscolatura

Cyclette orizzontale, vantaggi e svantaggi rispetto alla cyclette verticale Cyclette orizzontale, vantaggi e svantaggi rispetto alla cyclette verticaleSia le cyclette orizzontali che quelle verticali fanno lavorare la parte inferiore del corpo, compresi i glutei, i quadricipiti ed i tendini del ginocchio.

Tuttavia, in ragione della posizione assunta dal corpo, le cyclette orizzontali agiscono sui glutei e sulle gambe molto meglio di quelle verticali e delle bici tradizionali.

Gambe e glutei a parte, tutte le cyclette fanno lavorare tutta una serie di muscoli della gamba, che vanno dai tensori della fascia alta ai tibiali anteriori.

Le cyclette verticali consentono in particolare una maggiore ampiezza di movimenti delle articolazioni del ginocchio e dell’anca e, in questo senso, sono preferibili alle cyclette orizzontali.

Un ulteriore vantaggio che hanno le cyclette verticali rispetto alle orizzontali, è dato dal fatto che costringono gli addominali a fare un maggior lavoro.

Ciò perché le cyclette verticali non forniscono un supporto alla schiena, ed i muscoli addominali devono continuamente sostenere il bacino e la parte superiore del corpo.

comfort

Per quanto attiene al comfort, le cyclette orizzontali non hanno paragoni. Sono indubitabilmente le migliori.

I loro sedili, più grandi delle altre cyclette, ed il loro supporto posteriore, ne fanno degli attrezzi su cui è possibile esercitarsi “facendo fatica” in modo particolarmente confortevole.

Le cyclette verticali hanno invece dei sedili che sono più piccoli, e che non sono altrettanto confortevoli come quelli delle orizzontali (è la stessa posizione che il corpo assume durante la pedalata, che limita infatti la possibilità di avere dei sellini più comodi).

consumo calorico

Secondo alcuni, il maggior comfort ed il maggior supporto di una cyclette orizzontale lo si paga in termini di un minor dispendio energetico, ovvero in termini di minori calorie bruciate durante l’esercizio fisico.

Non è chiaro ancora se ciò corrisponda alla realtà o meno. Ma poco importa:  facendo esercizi che abbiano un’opportuna durata ed intensità, con entrambe le tipologie di biciclette si possono raggiungere i desiderati effetti relativamente alla forma ed alla salute.

costi e dimensioni

In termini di costi e di spazio occupato, le cyclette verticali sono preferibili alle orizzontali: la loro compattezza ed il loro sviluppo in verticale consentono alle cyclette verticali di occupare una minore superficie.

Per quanto riguarda il costo, quelle verticali hanno una struttura più snella e leggera, e sono quindi meno costose.

Entrambe le cyclette, sia le orizzontali che le verticali, consentono di fare degli allenamenti,

  • sia di intensità medio-bassa,
  • sia di intensità media
  • che d’intensità medio-alta,
  • il che ne degli attrezzi  ideali per perdere peso ed anche per gli esercizi aerobici di base.

Se tuttavia doveste avere mali di schiena o dolori alle ginocchia, la bicicletta reclinata (recumbent), è probabilmente la soluzione che fa al caso vostro con la sua seduta allungata e col suo sedile che offre un buon sostegno alla schiena.

Chi fosse invece orientato a fare degli allenamenti ad alta intensità, probabilmente dovrebbe orientarsi verso una spinbike (o spinning bike).

Se invece, a condizionarvi fossero lo spazio e l’aspetto finanziario, una cyclette verticale potrebbe incontrare i vostri favori.

Quindi, verticali o orizzontali ?

In conclusione: cyclette orizzontali, oppure verticali?

Se il vostro obiettivo principale è allenarvi o perdere i chili di troppo, entrambe sono efficaci.

Se, come appena detto,

  • le cyclette orizzontali sono molto più comode perché consentono una posizione reclinata con la schiena sostenuta e le gambe di fronte a voi;
  • d’altra parte, quando si pedala in posizione verticale per lunghi periodi, la parte bassa della schiena e del fondo schiena potrebbero iniziare a far male.

La maggiore differenza tra le due tipologie sta quindi nel loro diverso livello di comfort: sta nelle comodità che siete -o che non siete – disposti a rinunciare per raggiungere i vostri obiettivi.

BFC
Sono un appassionato lettore e ricercatore e credo nell’immensa potenzialità che la rete offre di condividere informazioni e conoscenze che possano direttamente o indirettamente migliorare il benessere dell’uomo.
Hai appena letto: Torna alla pagina principale